La "Gilfenklamm"

Una gola scavata nel marmo

gilfenklamm-bachAll'imbocco della Val di Racines, presso il paesino di Stanga, il torrente si è scavato una stretta gola, la "Gilfenklamm". In questo punto la roccia è più morbida rispetto a quella circostante: si tratta di marmo bianco e la "Gilfenklamm" è l'unica gola del genere di tutta l'Europa.

Più di 100 anni fa, il club alpino austriaco, l'"Alpenverein", ha creato un sentiero che conduce attraverso la gola e supera più di 175 metri di dislivello con scalette e ponti. Il sentiero attraverso la selvaggia gola è sicuro e ben attrezzato, i bambini possono quindi percorrerlo senza alcun pericolo.

 

Ciò che piace ai bambini

Il torrente scende nella gola con gran fragore; una festa di spruzzi si genera là dove l'acqua infuria contro le pareti rocciose. Le cascate scendono da rocce che non sono affatto d'un bianco accecante, come ci si aspetterebbe dal marmo chiaro; la roccia bagnata ha infatti una colorazione grigia, verde e nera per la presenza di muschi e licheni; a brillare di bianco sono soltanto i punti che l'impetuosa acqua ha levigato alla perfezione e i blocchi di pietra nell'alveo del torrente.

 

Là dove la gola è più larga e permette di scendere giù fino al fondo, i piccoli amanti dell'avventura possono sbarrare l'acqua, costruire canali e creare laghetti. Come sempre, quando l'elemento "acqua" è al centro dell'escursione, la parola d'ordine è: sguazzare a piacere!

 

Storia e storie

Particolarmente bianco e puro, il marmo fine della zona di Racines era molto apprezzato in passato: esso venne impiegato per la "Hofkirche" ovvero la chiesa di Corte a Innsbruck, per il castello di Schönbrunn e per altri monumenti viennesi.

 

Anche l'imponente parrocchiale gotica di Vipiteno è stata costruita con questo marmo. Oggi, esso ha perduto molto del valore che un tempo gli veniva attribuito, come dimostra sintomaticamente il fatto che sia stato impiegato per i muri di sostegno della strada della Val Ridanna. E dire che le bianche pietre di Racines servono come materiale sin dai tempi degli antichi romani! Al Museo Archeologico di Bolzano è esposto il famoso altare di Mitra rinvenuto presso Vipiteno, un bassorilievo marmoreo appunto d'epoca romana, una copia del quale è collocata nel cortile interno del municipio di Vipiteno.

Il bassorilievo rappresenta il sacrificio del toro per mano di Mitra, il dio del sole, testimoniando così che anche l'Alto Adige venne in contatto con il culto di questa divinità. Una pietra miliare in marmo (oggi conservata al municipio di Vipiteno) documenta inoltre l'importanza dell'antica strada del Brennero e dell'insediamento romano di "Vipitenum".

 

Informazioni

 

gilfenklamm-schlucht

Tempo di percorso:

Salita: ca. 45 - 60 minuti

Discesa: ca. 40 minuti

Dislivelllo: 175 m

Etá: a partire dai 4 anni

Associazione Turistica Racines, Tel. +39 0472 760608

Aperto da inizio maggio a fine ottobre